Contatta il nostro Centro: 342.7619685




Anoressia e bulimia – Associazione Kliné

La sofferenza psichica si può manifestare in molteplici modi, anche attraverso una difficoltà nella regolazione del cibo, come avviene nei cosiddetti “disturbi alimentari”.

Tra questi, anoressia e bulimia si presentano, sia a livello di immagine che di comportamento, con manifestazioni talmente differenti da apparire contrapposte.

Dal lato anoressico, vi è la privazione, l’astinenza totale, il controllo assoluto e costante: la persona che soffre di anoressia trascorre la propria quotidianità nella logica di una disciplina ferrea, tesa al calcolo, dove tutto deve essere prestabilito e organizzato. Ogni minimo cambiamento di quanto ci si era prefissato rischia di provocare un’angoscia profonda e di cui non si trova spiegazione.

Dal lato bulimico, prevale la spinta improvvisa e irrefrenabile a riempire tutto, divorare ogni cosa oltre il limite, fino allo stordimento, annullamento del pensiero, arrivando anche a starne male. Per poi sentire il bisogno di tornare a svuotare, in una spirale di sofferenza che si ripete.

Questi due versanti, in apparenza così distanti tra loro, possono arrivare ad intrecciarsi nel momento in cui scostarsi un poco dall’Ideale – tutto programmato e sotto controllo, nella ricerca della perfezione – porta a sperimentare un sentimento di “fallimento” e, quindi, al prevalere della Pulsione – la spinta incontenibile a riempire ovunque. Al tempo del “niente” segue il tempo del “tutto”.

Le sofferenze psichiche, singolari ovvero differenti per ciascun soggetto, spesso sono accomunate dal timore circa l’incontro con l’Altro, le problematiche e i tormenti che, a livello inconscio, ruotano intorno all’interrogativo: come fare con l’Altro?

L’Altro sembra non trovarsi mai dove lo si cerca, sempre troppo distante, o assente, o troppo vicino. Non si sa mai come fare per essere amati, non ci si sente mai “abbastanza”; oppure è l’altra persona a non apparire adeguata, a non comprendere “tutto”. Questa imprevedibilità nella relazione porta ad uno stato di insoddisfazione e sconforto che raggiunge livelli, a volte, insopportabili, rispetto al quale il soggetto cerca di trovare argine, anche attraverso una soluzione sintomatica. Nell’anoressia e nella bulimia il corpo diventa il luogo in cui si concentra la questione, è reso lo strumento attraverso il quale si tenta di poter avvicinare o allontanare l’Altro.

Nella società contemporanea le relazioni tra le persone, già di per sé complicate, sono ostacolate, ancora di più, dalla fatica nell’avere a che fare con la mancanza e, di conseguenza, nella spinta costante a riempire: otturare tutto – gli imbarazzi, le fatiche, i dubbi, le incertezze – attraverso cibo, controllo, lavoro, oggetti, impegni, discorsi infiniti.

Al contrario di quanto possa apparire, sono proprio le imperfezioni, le mancanze, gli errori, le incomprensioni a fare posto per una relazione. Attraverso un lavoro clinico a orientamento psicoanalitico, ciascuno può mettere in parola le proprie difficoltà e trovare il proprio modo singolare per rendere l’incontro possibile.

Associazione Kliné – FIDA Milano

Via Andrea Maffei, 18 - 20135 - Milano - [t] 342.7619685 - milano@fidadisturbialimentari.com - Mappa del Sito | Note legali e privacy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o un pulsante o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close