“Uscire dalla solitudine” di O. Chiaia

CONSIGLIATO: a tutti

PAROLE CHIAVE: io, tu, scambio

 

Questo libro si interroga intorno a quella solitudine “non scelta”, non riconosciuta, provata dentro di noi, pur essendo molto spesso apparentemente inserite nel mondo tra persone e relazioni anche numerose.

Molto spesso, infatti, l’incapacità di riconoscere i propri stati d’animo, la paura di mostrarsi semplicemente così come siamo in quanto essere umani, vulnerabili, ci impedisce di trovare nella nostra fragilità quella dolcezza che permette la relazione con l’altro e quindi la possibilità di trarre vero nutrimento dai rapporti umani.

L’autrice infatti dice: “In che altro modo farsi coraggio, cercare significati se non nella condivisione?

Tutti abbiamo bisogno di essere compresi emotivamente più che razionalmente; tutti meritiamo di poter trovare quel modo autentico di poter stare insieme all’altro.

Concludo questo breve commento riportando  un concetto che dovrebbe essere il primo mattone delle fondamenta di una corretta crescita del bambino invece che tramandare una datata mentalità antica, completamente orientata all’altro, all’apparire, e tesa solo ad “evitare il giudizio della gente”:

“Meglio fare solo quello che ci si sente davvero di fare responsabilmente. E dire no a quello che si ritiene di non voler o poter  fare con affetto. Il NO custodisce il nostro io e l’amore, al contrario di quel che si pensi.”.

 

Giulia T.