Contatta il nostro Centro: 380.2118180




“L’origine della distanza” di F. Scotti

CONSIGLIATO

PAROLE CHIAVE: sospensione, distanza, rispetto

 

La prima impressione che ho avuto dopo aver finito la lettura è stata una dolce-amara delusione. Ero, direi, perplessa.

Colpita e amareggiata dalla dimensione di sospensione della scrittura, quasi ubriacata dalla lentezza e dalla calma della narrazione, anche a libro terminato, continuavo a chiedermi insistentemente “beh, quando inizia l’intreccio? ” o, parafrasando Criminal Minds “quando arriva il fattore di stress che mette in moto l’azione?”.

Chiaro che, intrisa dell’impazienza da tipica occidentale, non potevo che reagire al finale con un acido: “beh, tutto qui?”.

Poi ripensandoci qualche tempo dopo mi sono accorta che non c’era nulla, proprio nulla da cercare con il luminor,  la storia è ed è sempre stata già lì; non c’era proprio nulla da aspettarsi ancora.

Avrei dovuto avere solo la pazienza di leggere le lunghe descrizioni, darmi tempo per familiarizzare con posti, luoghi, scenari, odori e sapori di un altro mondo.

Potrei definire, a pensarci bene,  la narrazione ” sensoriale”: la precisione del tratto porta quasi a essere lì, talmente vicini  per toccarli i fiori, le pietanze, i tessuti, i preziosi ricami, ma, se ci si sposta dal primo piano e dal dettaglio, si ritorna immersi  in quel timido Giappone in cui entriamo in punta di piedi, attraverso delicate  pennellate di colore.

Il tema della distanza è chiamato in causa da ogni parola: al di là del debole intreccio che fa da sfondo è proprio essa la protagonista del romanzo, che sfuma, sfugge e non si può catturare.

E’ la parola che evoca, che rimanda a qualcosa che è altrove. E’ la parola della poesia.

(E ora capisco perché, a pelle, mi ha, come dire, urtato).

La parola, se evoca, non si limita a descrivere qualcosa al di fuori di te ma è potente: ti lascia una traccia, un segno, un disegno.

Che io forse, lì per lì, non volevo riconoscere.

 

Giulia T.

 

 

Piazza Armando Diaz, 2 - 60123 - Ancona - [t] 071.31868 - ancona@fidadisturbialimentari.it - Mappa del Sito | Note legali e privacy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o un pulsante o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close