Modello di intervento

L’orientamento clinico condiviso dall’equipe multidisciplinare del Centro Gapp è psicoanalitico. La prospettiva della cura non si limita alla rimozione del sintomo, mira piuttosto all’elaborazione delle cause della sofferenza soggettiva, allo scopo di mettere il soggetto in grado di ritrovare un nuovo equilibrio corpo-mente e di renderlo più libero di esprimere la propria unicità, secondo modalità meno sintomatiche.

Il centro Gapp si occupa della cura dei disturbi alimentari, quali anoressia, bulimia, obesità, disturbo dell’alimentazione incontrollata, vigoressia, ortoressia, anoressia atletica e altri disordini alimentari, e delle condizioni in cui, attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo, si esprime un disagio emotivo.

Il centro Gapp si occupa anche del trattamento delle diverse forme di dipendenza e dei sintomi contemporanei quali attacchi di panico, depressione, disturbi d’ansia…

La prospettiva di intervento del Centro rivolge inoltre una particolare attenzione all’adolescenza,  periodo in cui è caratteristica la tendenza a esprimersi con il corpo e con l’azione.

L’adolescenza introduce passaggi inediti nella storia dell’individuo, che si trova a confrontarsi con profonde trasformazioni corporee e psichiche.

Il compito evolutivo dell’adolescente sta nella strutturazione dell’identità e dell’immagine corporea.
I conflitti e i rischi implicati nella realizzazione di tale compito possono assumere forme sintomatiche diverse, legate a una distorsione nella formazione del sentimento di sé.

In sostanza l’evento sintomatico denuncia una disfunzionalità all’interno di tale processo, in cui il sintomo diventa un modo altro, distorto e non immediatamente comprensibile con cui l’adolescente dice di sé e delle proprie difficoltà.

I percorsi terapeutici non sono standardizzati e vengono strutturati a partire dalle particolarità del soggetto e dalle sue esigenze.