Contatta il nostro Centro: 089.755051




Statuto

STATUTO

FORT-DA

Associazione per lo Studio, la Ricerca, la Formazione e la Terapia

 

Scarica lo Statuto in formato pdf 

 

Art. 1

( Denominazione – Durata – Sede )

E’ costituita l’Associazione denominata “Fort-Da. Associazione per lo Studio, la Ricerca, la Formazione e la Terapia”, denominata anche, più brevemente, “Fort-Da”.

L’Associazione ha durata illimitata.

L’Associazione ha sede in Salerno, in via Santa Margherita n. 36.

L’Associazione è associato fondatore di F.I.D.A., Federazione Italiana Disturbi Alimentari, e può riportare accanto al suo logo la dicitura “aderente F.I.D.A.”.

Art. 2

( Scopo – Oggetto )

L’Associazione non ha fini di lucro, è un associazione non riconosciuta che si propone obiettivi di studio, di terapia, di formazione e ricerca ed ha competenza su tutto il territorio dello Stato italiano.

1. Per il conseguimento dei suoi fini istituzionali l’associazione promuove, svolge e realizza iniziative e attività di studio, di ricerca, di formazione, supervisione, di documentazione e di informazione su:

a. disturbi del comportamento alimentare;

b. problematiche legate alla prevenzione e cura del disagio psichico nelle sue molteplici manifestazioni; attraverso psicoterapia, arte terapia, scienze umane nelle sue applicazioni nell’ambito preventivo, curativo e psicopedagogico;

2. L’Associazione è costituita per promuovere e realizzare studi, progetti, ricerche, incontri e ogni altra iniziativa utile a sviluppare e diffondere presso la società civile e le istituzioni la prevenzione e la cura dei disturbi del comportamento alimentare.

3. Per il proseguimento dei suoi scopi l’ Associazione può provvedere a:

– Promuovere e mantenere rapporti e collaborazioni con lo Stato, le Regioni, le Provincie, i Comuni, le Università e gli altri organi deputati alla formazione, nonché altri enti pubblici o privati sia nazionali che esteri o internazionali, per la migliore realizzazione degli scopi associativi;

– Promuovere e gestire, mediante studi, ricerche ed attività anche pratiche, progetti di recupero e riqualificazione sociale e professionale ad ogni livello di persone fisiche;

– Svolgere e realizzare studi e ricerche su problematiche e temi rientranti nell’oggetto sociale di carattere privato e pubblico;

– Effettuare ricerche statistiche;

– Organizzare, anche al di fuori di quanto previsto in precedenza, corsi, seminari, incontri, tavole rotonde, congressi di carattere scientifico e informativo;

– Creare un proprio centro di documentazione, e relativa biblioteca a sostegno dell’attività di studio, di ricerca e di informazione;

– Pubblicare i risultati emergenti dagli studi, ricerche e simili effettuati provvedendo a redigere, stampare e diffondere a qualunque tipo di stampato, notiziario libro o pubblicazione anche periodica;

– assumere ogni altra iniziativa ritenuta idonea per la diffusione della documentazione raccolta e dei risultati e delle ricerche e degli studi effettuati;

– Fornire consulenza psicologica e psichiatrica forense.

4. L’Associazione non può partecipare ad altri enti, associazioni e società che svolgano nel campo dei disturbi del comportamento alimentare attività analoghe a quelle promosse da F.I.D.A. senza il consenso di questa.

Art. 3

( Associati – Categorie di associati )

L’Associazione è costituita dalla associazione di persone fisiche di nazionalità italiana ed estera, nonché di enti pubblici e privati, nonché di altre associazioni.

Gli associati appartengono alle seguenti categorie:

– Soci fondatori. Sono soci fondatori coloro che hanno contribuito alla nascita dell’Associazione. E’ loro dovere verificare gli scopi e i principi ispiratori nella realizzazione della vita societaria.

– Soci ordinari. Sono soci ordinari le persone fisiche, nonché gli enti pubblici o privati e le associazioni che avendo versato la quota associativa di ammissione ed avendo assunto l’impegno di versare la quota associativa annua, su proposta di almeno due soci fondatori.

– Soci onorari. Sono soci onorari le persone fisiche, , nonché gli enti pubblici o privati e le associazioni che su proposta di almeno 2 soci fondatori e previo parere favorevole di almeno i 2/3 della Assemblea, siano cooptati nella Associazione. I soci onorari, quanto ad obblighi e diritti, sono equiparati agli effetti del presente Statuto ai soci fondatori, restando tutta via esonerati dal versamento della quota associativa di ammissione.

Art. 4

( Ammissione degli associati )

Possono divenire soci dell’Associazione i soggetti di cui al precedente articolo 3, previa domanda di ammissione indirizzata al Presidente e al Consiglio Direttivo. Gli organi deputata a tale valutazione comunicheranno in forma scritta l’esito della domanda.

Art. 5

( Diritti dei soci )

L’esercizio dei diritti sociali compete ai soci in regola con le quote associative.

I soci hanno facoltà di recedere, dandone comunicazione scritta all’Associazione.

Il recesso diviene operativo con decorrenza dell’esercizio finanziario successivo a quello durante il quale il socio stesso ha comunicato la sua volontà di recedere.

L’ammissione comporta:

– L’osservanza delle norme contenute nel presente Statuto, nonché delle deliberazioni e delle direttive dei competenti organi dell’Associazione;

– L’obbligo di rispettare e promuovere la carta dei principi etici e le linee guida emanate da F.I.D.A.;

– L’obbligo del pagamento delle quote associative;

La qualità di socio non è trasferibile e si perde per decesso, recesso volontario o decadenza. La perdita della qualifica di socio comporta la decadenza da ogni diritto sul patrimonio dell’Associazione.

Art. 6

( Esclusione dall’Associazione )

Il Consiglio Direttivo, su proposta del Presidente, può dichiarare la decadenza dei soci.

– Per comprovata inosservanza del presente Statuto e dei relativi regolamenti;

– Per inosservanza delle delibere del Presidente e del Consiglio Direttivo;

– In caso di svolgimento di attività contraria agli interessi dell’Associazione;

– Qualora siano recati danni morali o materiali all’Associazione;

– Qualora vi siano irregolarità nel pagamento delle quote di iscrizione.

Art. 7

( Organi dell’Associazione )

Gli organi dell’Associazione sono:

– L’Assemblea;

– Il Consiglio Direttivo;

– Il Presidente;

Art. 8

( Assemblea )

1. L’Assemblea è costituita dai soci fondatori e ordinari.

2. Ciascun associato ha diritto a un voto.

3. L’associato che non sia in regola con il versamento della quota di adesione e dei contributi ordinari e straordinari non può intervenire e votare in Assemblea.

4. L’Assemblea è convocata presso la sede dell’Associazione, o in ogni altro luogo in Italia, almeno una volta all’anno dal Presidente o dal Consiglio Direttivo tutte le volte che quest’ultimo lo ritenga opportuno e quando ne venga fatta richiesta da almeno i 2/3 degli associati che ne abbiano fatto richiesta scritta contenente gli argomenti da trattare.

5. La convocazione è fatta via e-mail certificata o mediante affissione di un comunicato presso la sede sociale almeno sette giorni prima del giorno fissato per l’Assemblea, ovvero, in caso di urgenza, almeno due giorni prima.

6. Nell’avviso di convocazione devono essere riportati l’ordine del giorno, la data e l’ora stabilite per la prima e la seconda convocazione, nonché il luogo della riunione. L’Assemblea in seconda convocazione non può avere luogo nello stesso giorno fissato per la prima.

7. In mancanza delle formalità suddette, l’Assemblea si reputa regolarmente costituita quando sono presenti o rappresentati tutti gli associati fondatori e partecipa all’Assemblea la maggioranza dei componenti del Consiglio direttivo. Tuttavia, in tale ipotesi, ciascuno degli intervenuti può opporsi alla discussione degli argomenti sui quali non si ritenga sufficientemente informato. Delle deliberazioni assunte deve essere data tempestiva comunicazione ai componenti del Consiglio direttivo che non sono stati presenti alla riunione.

8. L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione; in caso di sua assenza, l’Assemblea nomina essa stessa il proprio Presidente.

9. L’intervento in Assemblea può avvenire mediante videoconferenza, telefono o altri mezzi di telecomunicazione.

10. Delle riunioni dell’Assemblea deve redigersi verbale che è sottoscritto dal Presidente dell’Assemblea e dal segretario da questo nominato.

11.Su richiesta via e-mail di almeno cinque associati fondatori il Presidente può disporre, se alla richiesta non si è opposto entro tre giorni almeno un terzo di tutti gli associati, che le decisioni dell’Assemblea siano adottate mediante consenso espresso via e-mail sui singoli punti dell’ordine del giorno indicato nell’avviso di convocazione. Il Presidente conserva la relativa documentazione e comunica via e-mail a tutti gli associati e a tutti i consiglieri le decisioni adottate.

12. L’assemblea delibera a maggioranza semplice dei presenti tranne nei casi previsti dal presente Statuto.

13. L’Assemblea Generale:

-Nella prima riunione dell’anno in corso elegge il Presidente, il Tesoriere, il Segretario ed il Consiglio Direttivo. Tutte le cariche, eccetto quella del Presidente, hanno durata di due anni.

– Approva con almeno i 2/3 dei voti i Soci Onorari;

– Approva il bilancio annuale presentato dal Tesoriere;

– Definisce l’indirizzo generale dell’Associazione;

– Propone le modifiche del presente Statuto che saranno poi approvate da almeno i 2/3 dell’Assemblea stessa.

Art. 9

( Consiglio Direttivo )

L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da Presidente, Segretario, Tesoriere e 3 soci eletti annualmente dalla prima Assemblea Generale dell’anno in corso.

Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza semplice, in caso di parità di voti prevale il voto di chi presiede la seduta.

Ogni anno il Consiglio Direttivo decide l’aggiornamento o mantenimento delle quote di iscrizione annuali in base alla differenziazione delle figure dei soci.

Il Consiglio è investito dei più ampi poteri di gestione e delibera a maggioranza dei voti, convoca l’Assemblea Generale, fissa i modi e i tempi del versamento delle quote sociali.

Il Consiglio Direttivo si riunisce tutte le volte che il Presidente lo riterrà opportuno o se un altro membro del Consiglio ne farà richiesta.

Il Consiglio Direttivo dà parere favorevole o meno alle richieste di diventare socio ordinario della Associazione. Decide annualmente la programmazione delle iniziative utili al perseguimento delle finalità della Associazione.

La convocazione dovrà essere effettuata tramite e-mail o con altri mezzi che garantiscano la prova dell’avvenuto ricevimento con almeno 10 giorni prima della data fissata per l’adunanza o ricorrendo nella necessità in via breve entro 5 giorni a mezzo fax. Non possono comunque eccepirsi difetti di convocazione quando siano presenti tutti i componenti del Consiglio Direttivo.

Art. 10

( Presidente )

1. Il Presidente dell’Associazione è scelto dall’Assemblea tra gli associati fondatori.

2. Il Presidente dura in carica tre anni ed è rieleggibile. Il Presidente nominato nell’atto costitutivo dura in carica fino a revoca deliberata dall’Assemblea con il voto di due terzi degli associati e dei due terzi degli associati fondatori.

3. Il Presidente:

a. ha la legale rappresentanza della Associazione con l’uso della firma;

b. convoca, su delibera del Consiglio direttivo, e presiede l’Assemblea;

c. convoca e presiede il Consiglio direttivo;

d. adempie agli incarichi espressamente conferitigli dall’Assemblea e dal Consiglio direttivo;

e. vigila perché siano osservate le norme statutarie e provvede a dare esecuzione alle delibere dell’assemblea e del Consiglio Direttivo.

f. accerta che si operi in conformità agli interessi dell’Associazione;

g. si occupa della gestione ordinaria e organizza le attività istituzionali dell’Associazione;

h. conferisce, previa deliberazione del Consiglio direttivo, procure per singoli atti o categorie di atti;

i. in caso di impossibilità, il Presidente può essere rappresentato da un altro membro del Consiglio Direttivo il più anziano di iscrizione all’Associazione e a parità di iscrizione dal Consigliere più anziano di età;

j. cura l’esecuzione dei deliberati dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo.

Art. 11

( Segretario )

Il segretario, sentito il Presidente, dispone tutti gli atti necessari al regolare funzionamento dell’Associazione e ne cura l’attuazione.

Segue la regolare gestione dei verbali e la corrispondenza.

La carica di segretario è rinnovabile.

Art. 12

( Il Tesoriere )

Il tesoriere custodisce i fondi sociali, registra le entrate e le uscite, effettua i pagamenti che si rendano necessari e che siano autorizzati dal Consiglio Direttivo, vista le delibere di spesa del Consiglio Direttivo annullando quelle di copertura finanziaria. Ha il compito di suggerire al Consiglio Direttivo eventuali modifiche di spesa o di acquisizioni qualora si mostrasse necessario. Redige i bilanci preventivi e consuntivi da sottoporre alla approvazione del Consiglio Direttivo. Presenta alla Assemblea dei Soci una relazione finanziaria e compila il resoconto di bilancio annuale informandone il Presidente, il Segretario e il Consiglio Direttivo. Intrattiene i rapporti con gli Istituti di Credito.

La carica di Tesoriere è rinnovabile.

Art. 13

( Regolamento interno )

1. L’Assemblea può approvare un regolamento interno per l’applicazione del presente statuto e per quanto necessario ad assicurare il migliore funzionamento dell’Associazione.

Art. 14

( Fondo comune dell’Associazione )

Il fondo comune dell’Associazione è costituito:

– Dai contributi degli associati, secondo la misura e le modalità stabilite dal Consiglio Direttivo;

– Dalle donazioni, dai finanziamenti e dalle oblazioni che saranno disposte in suo favore;

– Dal complesso dei beni mobili e immobili dei quali acquisterà la proprietà o il godimento;

– Dai contributi delle amministrazioni statali e sopranazionali, e di altri enti pubblici e privati;

– Da ogni altra entrata destinata ad incrementare il patrimonio.

Art. 15

( Scioglimento – Liquidazione )

Sia lo scioglimento che la liquidazione debbono essere deliberati con il voto di almeno 3⁄4 degli associati. Non sono ammessi voti per delega.

L’assemblea nomina contestualmente un liquidatore.

Quale sia la causa di scioglimento, il patrimonio, eseguita la procedura di liquidazione, sarà devoluto ad altre associazioni od a fini di pubblica utilità, previo parere dell’autorità di controllo prevista dall’art. 3, comma 190, della legge 622/96, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Art. 16

( Bilancio )

Alla fine di ogni anno il Tesoriere deve provvedere alla redazione del bilancio ed alla presentazione per la approvazione all’Assemblea.
L’esercizio sociale decorre dal 1° Gennaio al 31 Dicembre di ogni anno.

Art. 17

( Divieto di distribuzione )

E’ fatto espresso divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili ed avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano state imposte dalla legge o siano effettuate a favore di altre associzione che per legge, statuto, o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.

Art. 18

( Scioglimento dell’Associazione )

Il Consiglio Direttivo può, tramite il Presidente, convocare l’Assemblea perché deliberi sullo scioglimento dell’Associazione e sulla sua liquidazione.

Art. 19

( Controversie all’interno dell’Associazione )

Tutte le eventuali controversie sociali tra gli associati e tra questi e l’Associazione saranno sottoposte alla competenza del Giudice ordinario. Foro competente è Salerno.

Art. 20

( Rinvio alle disposizioni del codice civile )

Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto valgono le disposizioni di legge vigenti in materia e delle leggi speciali vigenti in materia di associazioni non riconosciute.

 

Scarica lo Statuto in formato pdf 

Via Santa Margherita, 36 - 84129 - Salerno - [t] 089-755051 - salerno@fidadisturbialimentari.it - Mappa del Sito | Note legali e privacy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o un pulsante o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close