Contatta il nostro Centro: 011.7719091




Gruppo Teatro

Il laboratorio teatrale è lo spazio in cui si sviluppano percorsi di apprendimento e comunicazione sul movimento corporeo e sulla rappresentazione teatrale in generale.
In particolare, il laboratorio di “Teatro e scrittura” è stato concepito come uno strumento per rendere possibile forme di interazioni originali tra i soggetti ed il gruppo, con l’obiettivo di favorire l’incontro e il dialogo tra il corpo e la mente, normalmente distanti nel disturbo del comportamento alimentare.
Le partecipanti, per il tempo del gruppo, abbandonano lo spazio di vita quotidiano, per collocarsi, sia fisicamente che mentalmente, in uno spazio altro. Questo processo presuppone l’ingresso sia fisico che mentale, nello spazio-teatro, un luogo carico di espressività ludica e/o comica, che favorisce l’incontro con aspetti di sé normalmente inaccessibili.
Ponendo l’attenzione sul gruppo e le sue dinamiche, viene da osservare come esso, in questo laboratorio, rappresenti al contempo uno strumento di lavoro ed un obiettivo dell’esperienza che si sta realizzando.
In tale contesto, si giunge alla scoperta della ricchezza del gruppo inteso come insieme di persone di cui fidarsi, con cui poter condividere gioie, fallimenti ed emozioni, tramite specifici esperimenti finalizzati alla creazione di fiducia reciproca e alla costruzione di una unione affettivo-relazionale. Tramite queste esperienze, si cerca di aiutare i membri del gruppo a vedersi come gli altri li vedono, facendo emergere nuove possibilità che enfatizzino la sperimentazione delle proprie potenzialità e delle proprie risorse.
Un aspetto fondamentale è la valorizzazione dell’ “errore” inteso come opportunità, come occasione di scoperta di sé e del proprio linguaggio corporeo. Essa consente di lavorare sulla costante ricerca di perfezione, aspetto ricorrente nelle persone con disagio alimentare.
In questa fase del laboratorio, giocare nello spazio consente di andare oltre gli archetipi tradizionali, utilizzando anche le pause ed i silenzi, quando lo si ritiene opportuno. Grande spazio viene dato infatti alla comunicazione non verbale.
E’ importante non cercare la perfezione e non porsi l’obiettivo di produrre necessariamente buone performance, ma semplicemente giocare con lo spazio e appropriarsene, evitando il noto. Questo si traduce nell’abbandono a movimenti irrazionali o imprevisti del corpo, ben lungi dalle costruzioni scenografiche e aggraziate.
In questo lavoro di socializzazione è essenziale lasciare ad ognuno il giusto tempo, non bisogna avere fretta di ottenere subito un risultato, ma nemmeno colludere con le resistenze del “proprio” tempo.

1° INCONTRO: presentazione del progetto alle ragazze e scelta dello spazio;
2° INCONTRO: spiegazione sul significato del tempo-spazio teatrale ed acquisizione familiarità con esso attraverso camminata casuale in silenzio; successivamente attraversamento diagonale in coppia o da soli senza movimenti simmetrici, ma spontanei;
3°INCONTRO: primo approccio col modellamento dei corpi: scoperta del corpo dell’altro toccandone alcune sue parti (es. il viso, le mani ..); giocare nello spazio integrando l’esercizio del modellamento dei corpi;
4° INCONTRO:Tableax vivent: improvvisazione con una coperta creando immagini con essa;
5° INCONTRO: formazione coppie elettive, ovvero le ragazze cominciano a scegliere una compagna con cui creare storie,
6° INCONTRO: cerchio d’attenzione in cui le ragazze in coppia, durante l’esercizio , osservano i propri movimenti e quelli dell’altra sperimentandosi, cercando sempre movimenti asimmetrici ed improvvisati;
7° INCONTRO: esplorazione di oggetti messi casualmente sul pavimento, con occhi bendati;
8° INCONTRO: attraversamento diagonale sorreggendo l’altro alternandosi;
9° INCONTRO: esercizio di camminata casuale nello spazio con emissioni di suoni, scoprendo la propria voce;
10° INCONTRO: giochi di improvvisazione;
11° INCONTRO: inizio di una rappresentazione di tutti gli esercizi acquisiti,dapprima una coppia alla volta e poi tutto il gruppo;
12° INCONTRO: inizio delle rappresentazioni delle storie inventate dalle varie coppie.

Via Felice Cordero di Pamparato, 6 - 10143 - Torino - [t] 011-7719091 - torino@fidadisturbialimentari.it - Mappa del Sito | Note legali e privacy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o un pulsante o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close