Laboratori Espressivi

Ai trattamenti psicoterapeutici dell’ anoressia, bulimia, obesità e alimentazione incontrollata vengono affiancati i laboratori espressivi che hanno l’ obiettivo di aiutare l’ integrazione mente-corpo e l’ espressione degli aspetti emotivi.

L’arteterapia, il cinematerapia e il gruppo teatro mirano ad approfondire la conoscenza di sé e a sviluppare le capacità creative e comunicative.

L’ attività creativa, favorita e sostenuta dal disegno, dalla visione di un film e dalla messa in scena teatrale, coinvolge la persona negli aspetti percettivi, sensoriali e motori in modo da facilitare l’ integrazione corpo – mente, aspetti che nei disturbi del comportamento alimentare si presentano dissociati.

Il rapporto con l’ immagine del corpo è il nucleo psicopatologico che precede i disturbi del comportamento alimentare.

Come sostiene Françoise Dolto, l’ immagine del corpo rappresenta in ogni momento la memoria inconscia di tutto il nostro vissuto relazionale.

I laboratori espressivi possono, quindi, essere degli strumenti fondamentali quando ciò che è sensazione ed emozione resta confinato nello spazio somatico ed è espresso principalmente attraverso l’ agire sintomatico.

I soggetti affetti da anoressia, bulimia, obesità e alimentazione incontrollata ci parlano di un corpo estraneo, distante , nemico ed hanno sempre l’ impressione che non appartenga a loro, continuando a pensare di ” non essere come dovrebbero”.

I laboratori espressivi, attraverso lo sviluppo degli aspetti creativi e di attivazione del movimento funzionano come risorse importanti per acquisire una nuova percezione e rappresentazione del proprio corpo.

Dando parola alla produzione grafica, alle identificazioni e proiezioni suscitate dalla visione del film o alle sensazioni emotive, sensoriali e relazionali provate nella messa in scena teatrale, vengono stimolati processi di cambiamento che permettono di accedere alla simbolizzazione dei vissuti emotivi.

I laboratori sono condotti da terapeuti specializzati che lavorano all’ interno dell’ équipe multidisciplinare del Centro CPF.