Obesità e sovrappeso

L’obesità colpisce sia gli uomini che le donne in percentuali molto simili.

L’obesità è associata a vari comportamenti alimentari, dall’abuso di alimenti dolci o di un solo alimento dolce, agli attacchi di fame notturni, al continuo sgranocchiamento durante il giorno, all’iperfagia cioè il mangiare troppo durante i pasti, al disturbo da alimentazione incontrollata.

Le persone affette da questo disturbo mangiano eccessivamente in risposta ai più diversi stati emotivi e spesso senza sentire la percezione di essere affamati.

La risposta per tutti gli stati d’animo diventa il cibo che funziona come anestetico, auto-consolazione e come contenimento dell’ ansia.

Tale comportamento produce, nell’ immediato una sensazione di sollievo ma poi prendono il sopravvento le sensazioni negative di disprezzo per sé stessi, disgusto, colpa e vergogna, associate a stanchezza , sonnolenza improvvisa e mal di stomaco.

Le persone con sovrappeso o obesità cercano costantemente di seguire un regime alimentare e di effettuare un controllo su quanto mangiano.

Spesso però perdono il controllo ad effettuano delle abbuffate che, solitamente, avvengono in solitudine e che generano sentimenti depressivi.

Spesso hanno effettuato mille tentativi di diete che sono costantemente falliti con la conseguenza di farle sentire persone con “scarsa volontà, deboli, incapaci di essere forti e determinati”.

Questi continui fallimenti inducono depressione che genera nuovamente bisogno di cibo, attivando così un circolo vizioso dal quale è difficile uscire.

CURA

Le persone con sovrappeso e obesità sono in difficoltà sia con l’ immagine del proprio corpo sia con il cibo.

Il corpo, spesso rifiutato perché sentito come “grosso, brutto e ingombrante”, è un corpo che si cerca di mascherare, coprire il più possibile e che spesso mette in difficoltà, tanto da arrivare a rifiutare le uscite, i luoghi pubblici per evitare di sentirsi a disagio.

Questi sentimenti possono produrre nel tempo un graduale ritiro sociale.

La cura di questa patologia alimentare, effettuata da un’ equipe multidisciplinare, può aiutare la persona a comprendere e aiutarla a tollerare le emozioni, l’ ansia e le difficoltà relazionali che incontra nella quotidianità in modo da poter riuscire a trovare un rapporto sostenibile con il cibo e il corpo.