Ancora una vittima dell’anoressia: l’importanza della prevenzione e della cura

QUOTIDIANO PIEMONTESE DELL’ 11-06-2014

Moncalieri, suicida ragazza 28enne. Messaggio ai genitori: ”Perdonatemi, non è colpa vostra

 

Ancora una vittima dell’anoressia.

Quest’ennesima tragedia ci invita a riflettere intorno al problema della cura dell’anoressia.

I disturbi del comportamento alimentari sono, in Italia, la prima causa di morte tra le patologie psichiatriche che colpiscono le giovani donne.

Queste patologie non sono malattie dell’appetito, ma la manifestazione di un grave disagio psichico, in cui il cibo e il corpo diventano l’unico linguaggio possibile per esprimere la sofferenza e il dolore profondo.

E’ importante che questi disturbi vengano riconosciuti precocemente  e possano essere curati, in modo appropriato, in centri specializzati che tengano conto della situazione clinica, fisica, psicologica e familiare, e della soggettività della persona.

Dott.ssa  Laura Ciccolini