Contatta il nostro Centro: 011.7719091




Moscerine

Anna Marchesini, Rizzoli ,2013

 

“Moscerine” è il titolo dell’ultimo romanzo della bravissima Anna Marchesini che, con l’ironia e il disincanto che la contraddistinguono, racconta i cambiamenti bruschi ed inaspettati che fanno parte della vita.

Il filo rosso del romanzo si srotola in nove racconti densi di una forte carica umoristica in cui spiccano aspetti puntiformi, talvolta invisibili, dell’esistenza, elementi irrilevanti, ma capaci di ribaltare il racconto.

L’intensità, l’umorismo, l’amarezza che lo pervadono, fanno salire alla mente le atmosfere delle più belle novelle di Pirandello.

In quasi tutte le storie che racconta Marchesini, sembra esistere un imprevisto trascurabile, un tarlo che, come un insetto, si intrufola nella trama, si annida sino a provocare uno stravolgimento, un ribaltamento che costringe la storia a riscrivere il proprio finale.

Principalmente i protagonisti di questo romanzo profondo e agrodolce sono donne che, in un modo o nell’altro, si trovano di fronte ad un bivio.

Per una di loro si tratta dell’amore, per un’altra è la decisione di cambiare vita; c’è poi quella che si trasferisce da una regione all’altra e quella che invece deve fare una scelta difficile dalle conseguenze imprevedibili.

Tutte le protagoniste si trovano in balia del destino, a volte avverso a volte favorevole, che segna comunque sempre una frattura davanti alla quale prendere una decisione.

Come nella vita di tutti noi, accade dunque che, davanti ad un bivio, la strada che si imbocca a volte possa condurre verso la felicità, altre volte, invece, verso il dolore.

Ci sono anche uomini però nelle storie di questo libro: uomini che incontrano il loro “moscerino”, che soffrono, che si perdono o che si ritrovano….uomini che devono congedarsi dalla vita.

In alcuni casi le trame possono apparire persino grottesche, ma senza ombra di dubbio sempre coinvolgenti e mai indifferenti.

Le “moscerine” possono essere non solo eventi, ma anche i personaggi, spesso davvero insignificanti che, improvvisamente, guadagnano un ruolo importante magari attraverso una loro peculiarità o persino un difetto.

Quella che Anna Marchesini ci offre è un’elegante riflessione sull’imprevedibilità e la perfida ironia della vita.

Dietro ad ogni storia se ne legge un’altra e per poterlo fare bisogna osservare e prestare attenzione a ciò che conta poco e che sembra irrilevante. Proprio questi elementi hanno il potere di ribaltare le situazioni e di mettere i protagonisti in situazioni nuove e a volte difficili. Non sempre infatti si trova ciò che si cerca o che si pensa di cercare.

Nelle pagine del romanzo si legge dell’incessante attività che l’esistenza svolge nel cucire e ricucire le trame dei destini della vita e della morte con un filo invisibile di apparenti minuzie.

Anna Marchesini ci offre la simpatica riflessione che “all’origine della Terra sia stata la lenta e irriducibile ascesa di un pidocchio al trono e che il Big Bang sia stato scatenato nell’attimo in cui il pidocchio poggiò il suo puntiforme deretano sull’intoccabile velluto che ahinoi! mascherava il caos”.

Partendo da qui, nella sua ultima fatica, si sofferma ad indagare dunque sui retroscena, sui singoli dettagli in grado di modificare la realtà, analizzandola sotto un’altra luce.

Cambiando il punto di vista, infatti, personaggi e scena cambiano completamente, fornendo una lettura differente e spesso comica.

Un modo per ricordare quanto la vita possa essere cangiante e mutevole e che per cambiare risultato è sufficiente un piccolo elemento trascurabile che però ha il potere di mostrare un’altra scena.

È capitato a molti forse di constatare ciò che accade nel romanzo e cioè che,nella vita, modificare un elemento può significare cambiare completamente il finale.

Forse l’attrice e scrittrice che, verosimilmente, ha dovuto cambiare il proprio punto di vista, sembra suggerirci che si può parlare di tutto, persino della malattia e della morte, importano solo il modo e la ragione in cui e per cui lo si fa.

Via Felice Cordero di Pamparato, 6 - 10143 - Torino - [t] 011-7719091 - torino@fidadisturbialimentari.it - Mappa del Sito | Note legali e privacy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o un pulsante o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close