L’amore è tutto: tutto quello che so sull’amore

 

L’AMORE E’ TUTTO : TUTTO QUELLO CHE SO SULL’AMORE

Michela Marzano ed. utet 2013

 

Michela Marzano in questo libro ci parla dell’ amore.

Di libri sull’ amore ne sono stati scritti tanti ci dice l’ autrice, in questo libro si parla d’ amore  non per sfornarci ricette o verità ma per mostrarci il doloroso e sofferente percorso che l’ ha portata a trovare sé stessa e quindi la possibilità di poter vivere l’ amore.

Seguendo il percorso dell’ autrice il lettore non può che rispecchiarsi , ritrovare parti di sé e riflettere sul proprio modo di vivere l’ amore.

Quale bambina non ha sognato il principe azzurro , l’ uomo perfetto che un giorno sarebbe arrivato e ci avrebbe reso finalmente felici?

Poi si cresce e si diventa donne e spesso si continua a credere nell’arrivo dell’ uomo perfetto , l’ uomo su cui poter investire tutte sé stesse e che dovrebbe darci tutto ciò che abbiamo desiderato.

Purtroppo, con il tempo , ci si accorge che l’ altro non può darci tutto ciò che abbiamo cercato o  perso o non abbiamo mai avuto e spesso quando questo accade , si cade in un abisso carico di un dolore cocente.

La caduta nell’ abisso non ha nulla a che fare con le mancanze dell’ altro ma ci rimanda ai nostri vuoti, alle nostre mancanze e insicurezze che ci portiamo dietro dall’ infanzia.

L’ amore non può colmare il vuoto che ci si porta dentro, l’ amore non è fusione.

Tante volte si cerca nell’ altro un amore totale, fusionale e se l’ altro non corrisponde a questa nostra idea dell’ amore allora viene respinto e allontanato perché non è interamente quello che si voleva.

L’ autrice ci mostra il suo faticoso e doloroso percorso attraverso momenti di illusione e disillusione , rabbia e felicità, cadute e riprese e solo attraverso l’ elaborazione di questa sofferenza riesce a trovare un suo personale equilibrio interiore che le permette di vivere l’ amore.

La lettura di questo libro porta inevitabilmente a interrogarsi su cos’è per ognuno di noi l’ amore e come noi amiamo.

Recensione della dott.ssa Laura Ciccolini