Contatta il nostro Centro: 081.7146362 342.7203755




Genitori insistenti e figli resistenti: una nuova era post anoressia

Un importante sondaggio effettuato su una parte rappresentativa della popolazione americana1 lancia un allarmante monito alla nostra società: è in atto un esponenziale aumento di forme non classiche di Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA).

Il sondaggio mettere in evidenza che sempre più negli studi dei medici, psichiatrici e psicologici vengono rilevate forme di DCA diverse dalla classica anoressia o bulimia. Gravi forme di obesità, salutisti spinti all’estremo, ragazzi ossessionati dal muscolo e della forma fisica, autolesionismo ecc. sono solo alcune delle ormai dilaganti condizioni che portando in ambulatorio intere famiglie preoccupate per i comportamenti “strani” ed esagerati dei propri cari.

Il fenomeno, amplificato dai social media, sembra colpire non solo la fascia di giovani ragazze adolescenti ma anche preadolescenti e adulti indipendentemente dal loro sesso.

Gli esperti mondiali ormai concordano che un fattore di rischio importante per l’insorgenza di una qualche forma di DCA è proprio l’iperinvestimento che alcuni genitori fanno sul cibo e sull’alimentazione. Se da bambini si “insiste” dicendo che bisogna mangiare perché “grasso è bello” poi all’inizio della preadolescenza il ragazzo “resiste” a questa regola per aderire ad un mondo che chiede una esasperatamente di essere dinamici, slim, performanti e attraenti.

Un messaggio ambivalente che non tutti i ragazzi riescono a fronteggiare. Per rispondere a tali richieste di cura in alcune regione italiane sono da anni nati centri specializzati, pubblici o privati che prendono in carico l’individuo e sostengono la sua famiglia per affrontare il sintomo ed il dolore che sottende questi sintomi. Da pochi mesi è nata anche a Napoli un centro di eccellenza per la cura dei Disturbi Alimentari.

L’ADA, l’Area Disturbi Alimentari è una sezione del Dipartimento di Psicoanalisi Applicata alla Coppia e alla Famiglia (DPCF) e svolge attività clinica di ricerca, prevenzione e formazione in questo campo.

Gli operatori dell’area sono Psicoanalisti, Psicoterapeuti, Psichiatri, Medici e Biologi che si interessano di scienze nutrizionali che hanno maturato esperienza nella diffusione e l’approfondimento clinico della psicoterapia ad orientamento psicoanalitico individuale, di coppia e familiare. Vengono accolte richieste che attengono a tali disturbi e sono attualmente attivi percorsi sia individuali che di famiglia e di gruppo.

L’utente può richiedere un primo incontro gratuito (sportello ascolto) che resta aperto due giorni a settimana e che risponde a domande effettuate direttamente all’operatore dello sportello oppure attraverso il servizio dell’Ascolto OnLine che accoglie la prima richiesta di aiuto o di semplice consultazione per orientare la persona e scegliere il percorso più opportuno da seguire.

Gli incontri vengono richiesti non solo da colui che porta il disagio ma anche da familiari, insegnanti e/o operatori impegnati nel prendersi cura della persona.

Un terapeuta unico prenderà in carico il paziente e la sua famiglia e farà da collante tra loro e le altre figure professionali implicate nel percorso. Le terapie successive non sono convenzionate, ma mantengono costi contenuti che vengono concordati direttamente con il terapeuta.

[1] James I. Hudson, Eva Hiripi, Harrison G. Pope Jr., and Ronald C. Kessler (2007). The Prevalence and Correlates of Eating Disorders in the National Comorbidity Survey Replication. Biol Psychiatry. 1; 61(3): 348–358.

Via Manzoni, 26/b - 80123 - Napoli - [t] 081.7146362 - 342.7203755 - napoli@fidadisturbialimentari.it - Mappa del Sito | Note legali e privacy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o un pulsante o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close